Mia moglie è più importante di me

Da presentatore televisivo a First Gentleman. E’ successo a Clarke Gayford, marito di Jacinta Ardern, a premier neozelandese.

Capita anche tra persone comuni, quando lei è un avvocato di successo e lui è un impiegato, per esempio. “Le due situazioni non sono uguali- precisa Maria Cristina Strocchi, psicologa, psicoterapeuta, esperta di tematiche di coppia a Vicenza- per le coppie con un minore interesse mediatico le cose cambiano”. In che modo?

Approfondiamo.

Se lei è più visibile di lui in società, per la posizione lavorativa che occupa o per il carisma che riesce a sfoggiare in ogni occasione pubblica, potrebbe succedere che la coppia si sfaldi, fino a conoscere una crisi profonda e a volte la rottura.

Alle coppie in difficoltà, quando vengono in terapia, chiediamo sempre di rispondere a un piccolo test e di segnalarci chi dei due guadagna di più, il grado di istruzione, la soddisfazione professionale- spiega Maria Cristina Strocchi . “Sono indicatori importanti, perché ci aiutano a capire le dinamiche che possono essersi instaurate. Se lei ha raggiunto il successo quando la coppia si è già consolidata o se, per la crisi, è l’unica che lavora in famiglia, potrebbe nascere una sorta di competizione malsana”.

Può essere che se lui si sente, o viene fatto sentire, meno importante, sorgano problemi in camera da letto, magari cercare fuori una donna che sia nella sua stessa situazione.
“Una coppia che vive una disparità nei guadagni o nella visibilità ha bisogno di compensare con gesti, parole, attenzioni e una buona dose di programmazione perché possa durare - suggerisce Maria Cristina Strocchi - La donna deve trovare il tempo di dedicarsi alla coppia, rispettando l’impegno preso, senza disdirlo all’ultimo minuto ogni volta, come spesso succede a chi è molto impegnato nel lavoro”.

LEI DEVE AVERE UN BUON EQUILIBRIO

Come vive la situazione la lei che ha i riflettori puntati contro, mentre lui rimane in ombra?

“Potrebbe avere sensi di colpa o rinunciare al sogno che stava inseguendo per non perdere il partner- afferma Maria Cristina Strocchi. Affinché questo non succeda, alimentando risentimenti postumi, la compagna dovrebbe aver acquisito fiducia in sé stessa e nella relazione. Non solo, la donna deve condividere gli obiettivi personali e tenere in piedi quelli della vita a due, organizzando momenti della giornata dove dare attenzione a lui, senza farsi distrarre. Ci sono percezioni sottili che l’altro può avvertire: mai fargli una telefonata o scrivere un sms finché si sta leggendo una mail o ascoltando le richieste di un collega. Potrebbe scappare una distrazione, percepita come disattenzione dall’altra parte.”

LUI DEVE CONOSCERE IL SENSO DELL’IRONIA

Come fanno i “mariti di “ a stare accanto alle mogli senza sentirsi messi da parte? Sfoderando tutta l’ironia di cui sono capaci.

“Saper sdrammatizzare aiuta in tutte le occasioni, non solo quando si è il compagno di una donna più in vista. Un uomo che sa usare quest’arte, si sente libero di esprimersi e di rispondere con assertività alle affermazioni, non sempre benevole, dell’entourage che osserva e giudica il suo ruolo di minore spessore” sostiene Maria Cristina Strocchi , aggiungendo che, a volte, sono proprio le persone vicine a mettere in difficoltà il numero due della coppia con le loro insinuazioni del tipo: ”Con una moglie come la tua non ti sarà difficile ottenere la tal cosa o la tal altra” oppure “Certo che deve essere difficile per te fare tutto, tua moglie non c’è mai” o ancora “Sei un bravo domestico”.

Fonte: Vivere sani e belli - Dicembre 2017 - Servizio di Antonella De Minico


di MARIA CRISTINA STROCCHI | 08/10/2018